Gestire l’urgenza

La penna di adrenalina autoiniettabile deve sempre accompagnare il soggetto allergico grave a rischio anafilassi.

Il farmaco deve essere preventivamente e ciclicamente controllato (il liquido deve essere trasparente e non avere materiale in sospensione) e conservato lontano da fonti di calore e dall’esposizione diretta alla luce del sole.

E’ bene che le persone in compagnia del soggetto allergico siano informate dell’allergia grave. L’aiuto delle persone più vicine è spesso determinante per prestare i primi soccorsi ed aiutare la persona colpita da crisi anafilattica.

La persona colpita da crisi anafilattica non deve essere lasciata mai sola.

Alla comparsa dei primi sintomi, contattare telefonicamente il Numero Unico dell’Emergenza 112 (ex 118) e seguire le istruzioni impartite dal personale medico. Informare l’operatore della presenza dell’adrenalina autoiniettabile ed utilizzarla secondo le istruzioni per la corretta somministrazione.

Le indicazioni da fornire telefonicamente al numero di emergenza sono in ordine:

  1. luogo dal quale si chiama
  2. tipo di reazione grave per la quale necessita l’urgente soccorso (anafilassi)
  3. nome e cognome della persona da soccorrere
  4. presenza del farmaco adrenalina

Una volta utilizzata la penna di adrenalina non va buttata, ma conservata e successivamente consegnata in ospedale.

Attendere l’arrivo dell’auto medica e/o dell’ambulanza per il trasporto in ospedale.